23 Marzo 2022

Una ricerca americana pubblicata su Urology indaga l’associazione tra atrofia prostatica e riduzione del rischio tumorale.

Atrofia prostatica e rischio tumorale

La cosiddetta atrofia prostatica è una condizione abbastanza comune che può essere rilevata nei campioni di tessuto prelevati in sede di biopsia.
Si parla di atrofia della prostata quando si riscontra una diminuzione del volume citoplasmatico delle cellule epiteliali luminali e la presenza di acini ghiandolari più piccoli, talvolta con un unico strato cellulare.

Un team di ricerca, guidato da Daniel Moreira della University of Illinois di Chicago, ha esaminato i dati di 3.165 uomini di età compresa tra 50 e 75 anni con valori di PSA tra 2.5 e 10 ng/mL, analizzando la percentuale di frammenti prostatici con alterazioni dopo biopsia negativa. Questi pazienti erano stati tutti sottoposti ad una seconda biopsia di controllo, a circa due anni di distanza dalla prima.
I pazienti con atrofia prostatica erano, in generale, più anziani, avevano una prostata ingrossata e presentavano maggiori infiammazioni della ghiandola di tipo acuto o cronico.

I ricercatori hanno potuto osservare come, in presenza di atrofia prostatica, il rischio di sviluppare un tumore alla prostata si riduca sensibilmente, fino a raggiungere una probabilità inferiore al 65% nei casi in cui oltre il 75% dei tessuti esaminati presenti atrofia prostatica.
In altre parole, l’atrofia basale sembrerebbe essere associata ad un minore rischio di cancro alla prostata.

Secondo Moreira e colleghi, questi risultati potrebbero aprire la strada a nuovi modelli diagnostici, capaci di predire il rischio tumorale e, potenzialmente, di selezionare in anticipo i pazienti con un rischio di progressione della malattia più contenuto.

FONTI

Freitas DM, Andriole GL, Casto-Santamaria R, Freedland SJ, Moreira DM, Extent of Baseline Prostate Atrophy Is Associated With Lower Incidence of Low- and High-grade Prostate Cancer on Repeat Biopsy. Urology, 2017; 103:161-166. doi: 10.1016/j.urology.2016.12.027. PMID: 28024967.

VUOI SAPERNE DI PIù?

Potrebbe interessarti anche...

Frequenza dell’eiaculazione e rischio tumorale

La salute maschile dipenderebbe anche dalla regolarità dell’attività sessuale: due studi americani indagano il legame tra frequenza dell’eiaculazione e rischio tumorale della prostata.

Dalla biopsia alla risonanza: gli step successivi della diagnosi di cancro alla prostata

Quando fare una biopsia per la diagnosi di cancro della prostata? Come leggere e interpretare i risultati? Perché e quando fare una risonanza o altri tipi di indagini? Proviamo ad esaminare insieme le diverse strade possibili.

Cancro alla prostata: gli step della prevenzione

Il cancro alla prostata può essere prevenuto? Se è vero che molti fattori di rischio come età, razza e storia familiare non possono essere controllati, è vero anche che è possibile provare a ridurre il rischio di contrarlo facendo scelte salutari, come praticare un esercizio fisico costante e seguire una dieta sana. Vediamo cosa significa fare prevenzione.