26 Novembre 2018

Empatia e ascolto: sono queste le basi su cui si deve costruire il rapporto fiduciario tra medico e paziente.

Risponde:

Giacomo Cartenì

Direttore UOC Oncologia Medica dell’Ospedale Antonio Cardarelli di Napoli

Questo è un aspetto estremamente importante, direi cruciale: empatia e ascolto. Sono questi due aspetti, che sembra strano perché noi ci aspettiamo che, quando un paziente venga da noi, voglia sentire da noi che cosa deve fare, le strategie eccetera. La verità è che c’è una fase, che è quella, appunto, dell’ascolto, che è fondamentale per instaurare un rapporto empatico, cioè il paziente deve sentire che noi abbiamo sentito quello che lui sta vivendo e, solo dopo che si è instaurato questo rapporto di ascolto, solo allora poi, di fatto, possiamo formulare quelli che sono gli aspetti diagnostici che certe volte sono anche cruenti, e quindi dobbiamo accompagnare il nostro paziente a fare questi accertamenti anche cruenti e poi aiutarli nella gestione della loro terapia. Empatia e ascolto.

VUOI SAPERNE DI PIù?

Potrebbe interessarti anche...

Quali tipologie di radioterapia esistono?

Esistono diverse tipologie di trattamento radioterapico: la radioterapia con fasci esterni e la brachiterapia. Il Prof. Magrini illustra le principali caratteristiche dei due trattamenti.

Qual è il ruolo del Radioterapista e come collabora con l’Oncologo e l’Urologo?

Ci sono situazioni in cui i ruoli dei diversi specialisti si intersecano, ma al centro deve esserci sempre la specificità del paziente.

Il supporto e il ruolo dell'oncologo medico

L'oncologo viene coinvolto in tutte le fasi del percorso clinico del paziente, dalla diagnosi iniziale fino al trattamento della patologia.