09 Giugno 2017

La prostata può causare disturbi a urinare associati a febbre e aumento del PSA, mentre gli altri sintomi sono per lo più a carico della vescica.

Risponde:

Michele Battaglia

A.O. Policlinico Consorziale di Bari

I sintomi sono di due tipi essenziali che attengono a quella che è la posizione anatomica della prostata. La prostata di per sé non ha una sua sintomatologia; io dico sempre che la prostata ha due sintomi che sono i disturbi a urinare associati a febbre e il PSA che sale.

 

Potrebbe sembrare un eufemismo o una affermazione un po’ troppo spinta, però il PSA, come tutti sanno, che è acronimo di antigene prostatico specifico, è classicamente un marcatore organo dipendente e non cancro dipendente, per cui qualunque sintomatologia, qualunque patologia che si realizzi in ambito prostatico fa impennare, fa innalzare i valori plasmatici del PSA.

 

Gli altri sintomi sono sintomi vescicali, e cioè il desiderio frequente di andare al bagno a urinare, la difficoltà ad avviare il mitto ovverosia il soggetto, l’individuo impara a sue spese che un desiderio impellente di urinare può essere interrotto da, appunto, un'ipertrofia prostatica, un problema legato alla prostata, per cui e si rende conto che c'è qualcosa che non va, ma il sintomo è legato alle urine, quindi alla vescica, ma no, alla prostata.

 

La distinzione che noi facciamo per distinguere un po’, in maniera molto grossolana, un’ipertrofia prostatica benigna - questo a livello clinico - tutto può essere, però, diciamo così, il sintomo preminente di un’ipertrofia prostatica benigna è la difficoltà ad avviare il mitto, invece il sintomo prevalente o preminente di un carcinoma di prostata è il desiderio, cioè quel che si chiama l'irritazione, il desiderio frequente di mingere, ma senza necessità di attendere prima di avviare il mitto.

 

Questi sono i due capitoli grossi: i disturbi da ostruzione del collo vescicale, quindi delle basse vie, uguale ipertrofia prostatica benigna, e disturbi irritativi come se fosse una cistite, ma nell'uomo non esiste cistite, esiste la prostatite che corrisponde, quando non ci sono, non c'è febbre, non ci sono altri segni, corrisponde più a un problema o di carcinoma di vescica o di tumore della prostata.

VUOI SAPERNE DI PIù?

Potrebbe interessarti anche...

Oltre al controllo del PSA, sono consigliabili altri esami per monitorare il tumore alla prostata?

Oltre al PSA, vengono utilizzati nuovi marcatori nell’osservazione del tumore alla prostata, ma non sono ancora considerati attendibili e performanti.

Come viene diagnosticato il tumore prostatico? È possibile la diagnosi precoce?

La diagnosi di tumore prostatico è stata agevolata dal dosaggio di un marcatore, il PSA, il cui utilizzo per fini diagnostici è piuttosto controverso.

Multidisciplinarietà nella gestione del carcinoma prostatico

In numerose realtà italiane esiste oggi un team multidisciplinare dedicato alla gestione del carcinoma della prostata. Si tratta di un gruppo di figure professionali diverse, tra cui urologo, oncologo, radioterapista, ma anche internista, radiologo, anatomopatologo...